Come capire qual’è l’importo e la durata del mutuo più adatti a noi?

Valutiamo secondo i principali criteri di paragone quale siano la durata e l’importo corretto da richiedere

Non è semplice avere la certezza di aver chiesto importo e durata corrette per le proprie esigenze, proviamo insieme valutando le esigenze e soprattutto con tutta la lungimiranza possibile per essere poi in futuro sereni della nostra scelta di mutuo.

I corretti calcoli

Innanzitutto nella scelta dell’importo ricordiamoci che se sappiamo che nel futuro imminente potremmo avere bisogno di credito sarebbe consigliabile aumentare la cifra del mutuo piuttosto che richiedere un altro prestito di li a poco, primo perchè il tasso del mutuo è nettamente minore a qualunque altro prestito e poi anche per la possibilità di ottenere sgravi fiscali che non si hanno con un semplice prestito.

Attenzione però a non aumentare di troppo la richiesta, infatti questa non può superare il valore dell’80% dell’immobile, superandolo potete incappare in un rifiuto da parte della banca.

Per la durata del mutuo invece dovete capire a quale corrente di pensiero vi avvicinate, siete quelli che preferiscono togliervi il prima possibile il debito e quindi preferite rischiare con una rata alta per meno tempo, valutate sempre bene che nella vita possono capitare imprevisti di non trovarvi spiazzati e non sapere come coprire il debito.

Siete invece dell’idea che è meglio una rata bassa e non vi importa per quanti anni terrete con voi il debito, fate in questo caso una buona polizza caso morte per la certezza che se anche non ci sarete più il vostro debito non rimanga come onere agli eredi.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *