Conto corrente obbligatorio per accendere un mutuo

Vediamo se esiste l’obbligo di avere il conto in banca dove desideriamo accendere un mutuo.

Quando troviamo la banca dove il mutuo offerto è consono alle nostre esigenze, e quindi decidiamo di partire per questa avventura, ma la banca dove abbiamo trovato il giusto prodotto non è la banca dove abbiamo il conto corrente certamente ci verrà detto dalla banca dove accenderemo il mutuo o prestito che per comodità potremmo chiudere l’altro conto e gestire tutte le operazioni in una sola banca.

Libretti-postali-buoni-fruttiferi-e-altro-le-alternative-al-conto-corrente-e-al-materasso-620x372

Per prima cosa preciso che esiste una legge che determina questa possibilità, infatti la Legge 27 del 24 marzo 2012 vieta alle banche di obbligare i clienti che decidano di accendere un mutuo ad aprire un conto corrente.

Quindi sapendo che è solo a vostra discrezione se la banca vi obbliga ad aprire il conto corrente per poter accendere il mutuo ricordategli che non è legale e quindi non è proprio il modo corretto per iniziare il rapporto insieme e pensate bene a come potrebbero continuare i rapporti dopo questa richiesta.

Se invece non vi sono stati fatti problemi o richieste particolari potete scegliere voi con diversi canoni di riferimento cosa fare.

Valutate ad esempio le spese di gestione del conto, e soprattutto valutate rispetto al numero delle rate del mutuo quanto è la spesa per il pagamento delle rate che può chiederti la tua banca, a questo punto saprai se ti conviene passare tutti i movimenti in entrata ed in uscita nella banca del mutuo oppure se trovi più conveniente la tua attuale banca.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *