I prestiti ad honorem per l’università

Le spese universitarie come sostenerle con un finanziamento

Studiare è spesso un costo troppo alto da sostenere dalla maggior parte delle famiglie, per fortuna esistono prestiti che danno respiro anche per questo tipo di spesa.

Prestiti e università

Se non si è fuori corso e non ci si va esiste un prestito che viene chiamato ad honorem che prevede la possibilità di sostenere le spese senza pensieri, perchè negli anni di studio non vengono richiesti pagamenti di rate o quant’altro.

Il prestito è rivolto a tutti gli studenti italiani ed extracomunitari che devono avere la cittadinanza e residenza italiana.

Ogni banca ha stipulato questa tipologia di prestito con alcuni atenei, quindi per sapere quale banca è convenzionata con la vostra scuola dovete rivolgervi alla segreteria che darà la documentazione da compilare e provvederà insieme alla banca alla valutazione del caso per vedere se dare o no il prestito.

In genere il prestito ha durata del corso di studi quindi in genere dai 4 ai 5 anni, in quel periodo non ci saranno rate da pagare, e non ci sarà una cifra che viene erogata ma la banca apre una linea di credito da usufruire, di solito ad un massimo di 30.000 euro che si possono utilizzare per tasse e materiale universitario.

Finito il ciclo di studi viene conteggiato quanto utilizzato e relativi interessi per la restituzione, alcune banche lasciano anche un periodo “sabatico”  per permettere agli studenti neolaureati l’inserimento nel mondo del lavoro che varia da uno a due anni.

I tempi di restituzione variano solitamente dai 2 ai 15 anni a seconda dell’importo e delle stipule fatte tra banca e ateneo.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *