I prestiti on line aumenta la richiesta di liquidità con rate più lunghe

La paura del futuro ci porta a richiedere rate più lunghe e tempi di liquidazione minore

Dalle statistiche effettuate sui prestiti on line nell’anno 2014 e nel primo semestre del 2015 non cala la tendenza di richiedere prestiti anche se di importi non elevati ma con dilazioni lunghissime questo proprio per la paura di non avere la possibilità di coprire le rate e quindi nella speranza che con una cifra minore sia più semplice non avere problemi.

denaro

La tendenza innanzitutto è quella di richiedere i prestiti direttamente on line forse per evitare nella frenesia della giornata e quindi di semplificare rispetto al correre presso banche e agenzie, però altro vantaggio è proprio la velocità della richiesta che con scanner e mail è fatta e anche la velocità con la quale si ha l’esito.

La somma massima richiesta rispetto ai 10000 del 2011 sono arrivati ad una media dei 13000 e tutto ciò proprio in conseguenza alla crisi che è aumentata.

Tramite tutti gli studi del settore che vengono effettuati la maggior parte delle persone che richiedono i prestiti sono uomini sulla quarantina d’anni e che hanno un reddito di circa 1500 euro.

I prestiti hanno una cifra maggiore e una richiesta di dilazione più lunga in media al sud, proprio per la reale incertezza sul futuro che si preferisce dilazionare maggiormente non calcolando però che così aumenta anche la cifra di interessi da restituire.

I prestiti veloci e micro credito sono anche loro aumentati, soprattutto le richieste di prestiti per liquidità, in media tra i 1000 e 5000 euro ma prestiti senza richiesta di certificazione di dove si spende la cifra finanziata e tutto ciò per colpa della crisi.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *