Il mutuo a rata rata fissa e durata variabile

Vediamo insieme come funziona questo tipo di mutuo.

Tra le scelte che possiamo fare per accendere il nostro mutuo dobbiamo e possiamo anche valutare il mutuo a rata fissa con lunghezza variabile, il vantaggio è sicuramente di avere una rata che non aumenta nonostante le variazioni dei tassi.

tab_interessi_legali

Attenzione però non è assolutamente da comparare con un prestito a tasso fisso solo perchè la rata non varia.

Facciamo un esempio pratico per far meglio comprendere un mutuo di questo tipo come funziona, e poter poi meglio valutare se questa può essere la soluzione esatta per noi.

Mettiamo caso di aver richiesto un mutuo  a rata fissa e durata variabile con la cifra di 100000 e con la durata di trent’anni, la rata fissa che viene stipulata dalla banca con il calcolo del tasso momentaneamente portato al 4% è di euro 477,42.

A questo punto quindi alla stipula voi sapete che dovete restituire 360 rate da 477,42 euro l’una, dopo due anni di regolare pagamento venite avvisati dalla vostra banca che il tasso passa da 4% al 4,5%.

Ed è qui che capiamo il funzionamento di questo tipo di mutuo, perchè si dovremo sempre pagare la nostra rata senza nessun tipo di aumenti ma cambierà la durata del mutuo, invece di pagare le 360 rate avremo l’aumento sino a 402 rate quindi la fine del nostro debito slitta di mesi.

Quindi è da valutare se il nostro problema sia l’affrontare una rata che può aumentare di costo e quindi se abbiamo la serenità economica di affrontarlo o se preferiamo invece affrontare la durata del mutuo ma la certezza di avere sempre una rata fissa.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *