Le cure termali Inps come funzionano

Oltre ad accendere un finanziamento per salute e bellezza controllate se potete aderire alle convenzioni Inps per le cure termali.

Se la vostra necessità di cure termali non è solo per bellezza, ma per un vostro problema di salute che è tra quelli contemplati nell’elenco Inps potrete usufruire di molti vantaggi e magari evitare un finanziamento in più, in fondo è solo far valere un diritto.

Cure termali INPS

Posso richiedere questo tipo di aiuto per le cure termali chi ha accertati da certificato medico patologie neuroarticolari o patologie bronco – catarrali.

E’ possibile annualmente usufruire delle cure per 12 giorni consegutivi o no, questo viene decretato dal dottore che ne fa richiesta.

Il costo delle cure in se viene in questi casi dispensata dall’Asl, mentre l’Inps sostiene le spese di vitto e alloggio, quindi al richiedente rimane da sostenere solo la spesa del ticket e il viaggio andata e ritorno verso la struttura scelta.

Ne possono naturalmente usufruire le persone che sono iscritte all’Inps o come dipendenti o come pensionati, quindi tutti i detentori di regolare contratto lavorativo e tutti i lavoratori autonomi che versino la quota IVS  invalidita, vecchiaia e superstiti.

Le cure devono essere effettuate o in date feriali o da calendario che annualmente viene pubblicato dall’ Inps  e anche non oltre i 5 anni, a meno che non venga riscontrato che le cure sono necessarie e danno un miglioramento anche se piccolo.

Per avere questo tipo di agevolazione basta avere un certificato medico attestante la patologia e avere anche la richiesta espressa del medico con il tipo di cure da fare e una volta accettata la domanda si deve effettuare le cure entro e non oltre i 90 giorni.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *