L’imprenditoria giovanile a Prato

La regione Toscana punta sui giovani

Puntare sui giovani e dargli la possibilità di creare nuove imprese è il metodo migliore per combattere la crisi, perchè se manca lavoro è importante dare ai giovani la possibilità di crearlo, sfruttando le proprie capacità e quindi aumentare il numero di occupati.

Prato e l'imprenditoria giovanile

La provincia di Prato ha deciso quindi di attivare un progetto denominato Nascere e crescere, un bando di concorso per aiutare a fondo perduto i giovani che decidono di avviare un’attività in proprio.

Le attività che potranno essere attivate con questo aiuto sono le aziende nel settore manifatturiero, progetti in campo di ITC, di fotonica e fabbrica intelligente, ma l’elenco completo lo potete trovare presso le associazioni di categoria o presso gli uffici della Camera di Commercio di Prato.

Sono stati stanziati 21 miliardi di contributi che oltre a diventare dei finanziamenti a tasso zero o a fondo perduto possono anche diventare materie prime ed aiuti per locazioni.

Le domande devono riguardare aziende che verranno poi avviate dopo al massimo sei mesi dalla domanda accettata, e devono essere gestite o di proprietà di giovani al di sotto di 35 anni.

Viene richiesto un business plan per poter ottenere questo tipo di agevolazioni, e quindi deve essere assolutamente convincente sia per l’idea che per la fattibilità del progetto.

Se non avete idea di come compilare un progetto d’impresa qui potete trovare i punti base e le caratteristiche principali per far capire che l’impresa è un’ottima idea.

I bandi sono aperti fino a novembre 2016 ma è bene affrettarsi perchè potrebbero finire i fondi prima della chiusura del bando.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *