Prestiti Inps per dipendenti statali

Come funzionano e quali sono i requisiti d’accesso per i dipendenti statali.

Questo tipo di finanziamenti ha un grande vantaggio, infatti non è necessario giustificare il credito, in questo tipo di credito non è necessario dichiarare l’utilizzo in quanto le rate vengono direttamente prese dallo stipendio, quindi non importa quale sia l’utilizzo perchè è comunque una garanzia che la persona lavori e che scali direttamente il debito dallo stipendio quindi di giustificazioni per la spesa non sono necessarie.

Slider-Prestiti3

I  prestiti ai dipendenti pubblici sono spesso di piccola entità ed è per questo che alla fine i prestiti per i dipendenti statali sono racchiusi in una cifra che varia tra i mille ed i diecimila euro.

La cifra in media viene restituita tra un anno e i quattro anni, e la cifra delle rate viene direttamente prelevata direttamente dallo stipendio, quindi la richiesta di ulteriori garanzie non è necessaria proprio perchè questo tipo di prestito viene garantito direttamente dallo stipendio.

Per richiedere questo tipo di finanziamento la principale regola è essere dipendenti statali da almeno quattro anni, questo serve per dare una sicurezza all’ente erogante, e quindi da poter dare una garanzia di solvibilità.

Il tasso di questo tipo di prestiti è fisso e si stabilizza intorno al 3,5%, tasso oltre misura conveniente, perchè paragonato ai tassi di prestiti personali sono davvero convenienti.

Per quanti riguarda le domande per accedere a questo prestito basta rivolgersi o direttamente all’Inps compilando la modulistica oppure facendo domanda di assistenza per richiedere questo prestito direttamente alle associazioni di categoria.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *